I.M.U.

Informazioni inerenti l'Imposta Municipale propria (I.M.U.)

Descrizione:

L’imposta municipale propria (IMU) si applica al possesso di fabbricati, escluse le abitazioni principali classificate nelle categorie catastali diverse da A/1, A/8 e A/9, di aree fabbricabili e di terreni agricoli ed è dovuta dal proprietario o dal titolare di altro diritto reale (usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie), dal concessionario nel caso di concessione di aree demaniali e dal locatario in caso di leasing.

 

Per qualsiasi ulteriore informazione si rimanda alla pagina ANUTEL.

(Il simulatore per il calcolo online dell’IMU permette di determinare l’importo dovuto a titolo d’imposta e la stampa del modello F24, utilizzabile direttamente per il versamento presso gli uffici postali, sportelli bancari oppure online, se si dispone del servizio di internet banking.)

 

SCADENZA E VERSAMENTO

ACCONTO: la scadenza del versamento della prima rata dell’IMU - pari al 50% dell’imposta dovuta per l’intero anno, è il 16 giugno (nel caso il 16 cada di sabato o domenica, la scadenza è posticipata al primo lunedì successivo).
Resta in ogni caso nella facoltà del contribuente provvedere al versamento dell'imposta complessivamente dovuta in unica soluzione annuale, da corrispondere entro il 16 giugno.

SALDO: la scadenza del versamento della seconda rata dell’IMU - pari al restante 50% dell’imposta dovuta, è il 16 dicembre (nel caso il 16 cada di sabato o domenica, la scadenza è posticipata al primo lunedì successivo).

Gli enti non commerciali effettuano il versamento in tre rate, le prime due di importo pari ciascuna al 50% dell’imposta complessivamente corrisposta per l’anno precedente, entro il 16 giugno ed entro il 16 dicembre dell’anno in corso. La terza ed ultima rata a conguaglio dell’imposta complessivamente dovuta entro il 16 giugno dell’anno successivo.

Modalità della richiesta

Nessuno

Requisiti del richiedente:

Il presupposto dell’IMU è il possesso di fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli.

 

Normativa:

Documentazione da presentare:

Nessuno

Tempi di rilascio:

Nessuno

Costi:

Con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 22/02/2022 sono state approvate le nuove aliquote IMU per l'anno 2022.

Regolamento e Aliquote IMU

ANNO 2022

ALIQUOTA TIPOLOGIA IMMOBILI
6,00 per mille

Abitazione principale iscritta nella categoria catastale A1, A8 e A9 e relative pertinenze

1,00 per mille

Fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all'art.9 comma 3-bis del D.L. 30.12.1993 n. 557

6,60 per mille

Abitazione e relativa/e pertinenza/e, diversa da quella di cui alla lettera c) del comma 747 della Legge n.160/2019, concessa in uso gratuito a parenti in linea retta fino al 1° grado (ovverosia tra genitori e figli), a condizione che la utilizzano come abitazione principale del nucleo familiare. In caso di più unità immobiliari, l'aliquota agevolata può essere applicata ad una sola unità immobiliare. (Le pertinenze sono ammesse nella misura massima di una unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7)

ESENTI

"Beni merce" ovvero fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati

10,60 per mille
di cui:
7,60 per mille
riservato allo Stato
3,00 per mille
gettito comunale

Immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, ad eccezione della categoria D/10

10,60 per mille

Fabbricati diversi da quelli di cui ai punti precedenti

10,60 per mille

Altri Immobili -Terreni Agricoli - Aree fabbricabili - Aliquota ordinaria

 

DICHIARAZIONE IMU

I soggetti passivi, ad eccezione di quelli di cui al comma 759, lettera g), dell’art. 1 della L. 160/2019, devono presentare la dichiarazione secondo le modalità stabilite, utilizzando i modelli approvati dalle autorità competenti entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta.

La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi, sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell'imposta dovuta.

Ai fini dell'applicazione dei benefici di cui al comma 741, lettera c), (fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali) e (immobile posseduto e non concesso in locazione dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia) , e al comma 751, terzo periodo (“A decorrere dal 1° gennaio 2022, i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, finché permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati, sono esenti dall' IMU”), il soggetto passivo attesta nel modello di dichiarazione il possesso dei requisiti prescritti dalle norme.

Gli enti di cui al comma 759, lettera g (Enti non commerciali), devono presentare la dichiarazione, il cui modello è approvato con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, sentita l'ANCI, entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta. La dichiarazione deve essere presentata ogni anno.

Fino all'emanazione di apposito decreto con cui altresì vengono disciplinati i casi in cui deve essere presentata la dichiarazione, si applicano le norme che seguono:

a) La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi, sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati, dai quali possa conseguire un diverso ammontare dell'imposta dovuta

b) Il contribuente non è tenuto a presentare dichiarazione ai fini dell'imposta a fronte di iscritte presso l'Ufficio del territorio.

c) Rimane dovuta la presentazione della dichiarazione ai fini dell'imposta in relazione ai cespiti la cui base imponibile non sia desumibile dai dati catastali, ovvero che non siano regolarmente e correttamente iscritti presso l'Ufficio del territorio, ovvero ancora che usufruiscano di esclusioni, agevolazioni e/o riduzioni d'imposta.

A chi rivolgersi

Servizio Tributi

Ufficio Servizio-Tributi
Area Area Economico Finanziaria
Responsabile Dott. Riccardo Giannoni
Indirizzo Piazza Vittorio Emanuele II°, n. 53 Piano Primo
Telefono 0587 758464
Fax 0587 758428
Email tributi@comune.bientina.pi.it
PEC comune.bientina.pi.it@cert.legalmail.it
Personale
Personale
Addetto Telefono Email
(Responsabile) Dott. Riccardo Giannoni 0587 758433 ragioneria@comune.bientina.pi.it
Giannoni Riccardo 0587 758464 tributi@comune.bientina.pi.it
Bartoli Lucia 0587 758455
Berrettoni Monica 0578 758468
Apertura al pubblico
Apertura al pubblico
Giorno Mattino Pomeriggio
Lunedì 09:00 - 13:00 su appuntamento
Martedì 09:00 - 13:00 15:30 - 17:30
Mercoledì 09:00 - 13:00 su appuntamento
Giovedì 09:00 - 13:00
Venerdì 09:00 - 13:00 su appuntamento
Competenze
Modulistica
Modulistica
  DOC42K IMU - Autocertificazione cessione immobili in uso gratuito a genitori e figli

  PDF536,4K IMU - Autocertificazione cessione immobili in uso gratuito a genitori e figli

  DOC44K IMU - Istanza di riduzione del 50% della base imponibile IMU

  PDF526,4K IMU - Istanza di riduzione del 50% della base imponibile IMU

  DOC38,9K IMU - Istanza di riesame avviso di accertamento

  PDF414,3K IMU - Istanza di riesame avviso di accertamento

  DOC46,6K IMU - Istanza di rimborso-riversamento

  PDF549,1K IMU - Istanza di rimborso-riversamento

  DOC48,1K IMU - Istanza rimborso sfratto per morosità

  PDF638,7K IMU - Istanza rimborso sfratto per morosità

  DOC98,8K IMU - Richiesta Rateizzazione

  PDF486K IMU - Richiesta Rateizzazione

  PDF341,2K IMU - Modello Dichiarazione IMU

torna all'inizio del contenuto