Assegno di maternità

Informazioni per ottenere l'assegno di maternità dell'INPS

Descrizione:

Trattasi di servizio gestito attraverso l’Unione Valdera, in quanto afferente a materia alla stessa delegata.

E’ un assegno, erogato dall’INPS, che la madre non lavoratrice può chiedere al proprio Comune di residenza per la nascita del figlio oppure per l’adozione o l’affidamento preadottivo di un minore.

La madre lavoratrice può chiedere l’assegno se non ha diritto all’indennità di maternità dell’Inps oppure alla retribuzione per il periodo di maternità. Se l’importo dell’indennità o della retribuzione è inferiore all’importo dell’assegno, la madre lavoratrice può chiedere al Comune l’assegno in misura ridotta per la quota differenziale.

L’importo dell’assegno mensile di maternità, spettante nella misura intera, per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento avvenuti dal 01/01/2019 al 31/12/2019 è pari a Euro 346,39 per cinque mensilità e quindi a complessivi Euro 1.731,95.

Detto importo è annualmente rivalutato sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

Modalità della richiesta

La domanda deve essere presentata entro 6 mesi dalla nascita o dalla data del decreto di adozione o affidamento al Comune di residenza c/o l’Ufficio Protocollo in orario di apertura al pubblico.

Requisiti del richiedente:

L’assegno può essere richiesto dalla madre:

  • cittadina italiana o comunitaria;

  • cittadina di Paesi Terzi residenti, regolarmente soggiornante, come da elenco allegato alla deliberazione di Giunta dell'Unione Valdera n. 13 del 04/03/2016 ;

  • cittadina straniera in possesso dello status di rifugiato politico (art.27 del D.Lgs. 19 novembre 2007, n.251);

  • non beneficiaria di alcun trattamento economico per la maternità o se percepito di importo inferiore all'assegno INPS;

  • avere un indicatore ISEE inferiore o uguale ai limiti stabiliti dalla legge, che per l'anno 2019 è pari ad €. 17.330,01

In alcuni casi particolari, se la madre non può richiedere l’assegno, il beneficio può essere richiesto, a seconda dei casi, dal padre del bambino, dal genitore della madre, dall’adottante, dall’affidatario preadottivo o dall’affidatario non preadottivo.

Documentazione da presentare:

  • Modulo di domanda con autocertificazione ISEE;

  • Fotocopia di un documento di identità del dichiarante;

  • Permesso di soggiorno (per cittadini extracomunitari);

  • Modello Inps SR 163

Tempi di rilascio:

30 gg dalla domanda per l'istruttoria e la trasmissione all'INPS

Costi:

Nessuno

A chi rivolgersi

Servizio Pubblica Istruzione e Politiche Sociali

Ufficio Servizio-Pubblica-Istruzione-e-Politiche-Sociali
Area Area Affari Generali e Legali
Responsabile Dott.ssa Veronica Stelitano
Indirizzo Piazza Vittorio Emanuele II°, n. 53 Piano Primo
Telefono 0587 758444 - 0587 758453
Fax 0587 758428
Email
PEC comune.bientina.pi.it@cert.legalmail.it
Personale
Personale
Addetto Telefono Email
(Responsabile) Dott.ssa Veronica Stelitano v.stelitano@comune.bientina.pi.it
Dott.ssa Evy Cigni 0587 758453 sociale@comune.bientina.pi.it
Milo Del Ry 0587 758444 scuola@comune.bientina.pi.it
Maria Grazia Lizzi
Apertura al pubblico
Apertura al pubblico
Giorno Mattino Pomeriggio
Martedì 09:00 - 13:00 15:30 - 17:30
Mercoledì 09:00 - 13:00
Giovedì 09:00 - 13:00
Competenze
Modulistica
Modulistica
  DOC183,8K Assegno maternità - Modulo istanza.doc

  PDF291K Assegno maternità - Modulo istanza.pdf

  PDF82,8K Assegno maternità - Modulo INPS - Richiesta pagamento.pdf

torna all'inizio del contenuto